lunedì 20 novembre 2017

A.C.R.S. RIONE MONTI: ARCIMBOLDO Visita guidata venerdi 15 dicembre 2017...

A.C.R.S. RIONE MONTI: ARCIMBOLDO Visita guidata venerdi 15 dicembre 2017...: ARCIMBOLDO Visita guidata venerdi 15 dicembre, Roma, Palazzo Barberini, si terrà la mostra  Arcimboldo accompagnati dalla Dot...

ARCIMBOLDO Visita guidata venerdi 15 dicembre 2017

ARCIMBOLDO




Visita guidata venerdi 15 dicembre, Roma, Palazzo Barberini, si terrà la mostra Arcimboldo accompagnati dalla Dott.ssa Alessandra Rossi.
Per la prima volta nella capitale sarà possibile ammirare una ventina di capolavori autografi, disegni e dipinti, di Giuseppe Arcimboldi (Milano, 1526-1593) meglio noto come Arcimboldo, provenienti da Basilea, Denver, Houston, Monaco di Baviera, Stoccolma, Vienna, Como, Cremona, Firenze, Genova, Milano. Un’occasione eccezionale, anche per la difficoltà di ottenere i prestiti delle sue opere, che spiega la rarità delle esposizioni dedicate a questo artista.
Formatosi alla bottega del padre, nell’ambito dei seguaci di Leonardo da Vinci, Arcimboldo, pittore, ma anche poeta e filosofo, è celebre soprattutto per le famose “teste composte” di frutti e fiori. Grazie alle sue “bizzarrie” e alle sue “pitture ridicole”, è stato uno dei protagonisti della cultura manierista internazionale, esponente di una corrente artistica, scientifica, filosofica e umanistica lontana da quella classicheggiante della Roma dell’epoca.
Riscoperto negli anni Trenta del Novecento, l’artista venne considerato il più importante antesignano del Dadaismo e del Surrealismo.
Esposte al pubblico circa un centinaio di opere: i capolavori più noti di Arcimboldo – dalle Stagioni agli Elementi, dal Giurista Priapo (Ortolano) al Cuoco –  i ritratti, l’arazzo di Como e le vetrate del Duomo di Milano, i suoi preziosissimi disegni acquerellati per le feste di corte, in dialogo con dipinti e copie arcimboldesche, oltre a una serie di oggetti delle famosissime Wunderkammern imperiali, delle botteghe numismatiche e di arti applicate, milanesi e non, fino a disegni di erbari, frutta, animali, di cui all’epoca si faceva gran studio al fine di incrementare serre, serragli e giardini ma, anche e soprattutto, la conoscenza scientifica.


Dove         Gallerie Nazionali di Arte Antica – Palazzo Barberini


Appuntamento Ore 16.40 entrata museo - Inizio visita ore 17.00

 Contributo        € 22.00 - Compressivo di ingresso, guida, auricolare

Durata                2 ore circa



Prenotazioni e info:
associazionerionemonti@gmail.com                3284860271


N.B. La visita avrà luogo solo al raggiungimento minimo di partecipanti. Avviso di eventuale annullamento tramite messaggio a tutti i prenotati 48 ore prima.


domenica 29 ottobre 2017


MONET

sabato  25  novembre  ore  14.25  visita  guidata 

In compagnia della dottoressa Alessandra Rossi andremo tra i capolavori del grande impressionista Monet



Dai primissimi lavori, le celebri caricature della fine degli anni 50 dell’800, attraverso i paesaggi rurali e urbani di Londra, Parigi, Vétheuil, Pourville, ai ritratti dei figli, alle tele dedicate agli amatissimi fiori del suo giardino (rose, glicini, agapanti) fino alla inquietante modernità dei salici piangenti, del viale delle rose o del ponticello giapponese, per arrivare alle monumentali Ninfee e Glicini, la mostra renderà conto delle molteplici sfaccettature del suo lavoro, restituendo la ricchezza artistica di Monet.

Dove: 
complesso del vittoriano
Via di S. Pietro in carcere

Appuntamento
Ore 14.00 entrata museo
Costo
€ 20.00
Compressivo di ingresso, guida, auricolare

Inizio visita ore 14.20

Durata:
2 ore circa

Max 25 persone

Prenotazioni solo tramite


3284860271

venerdì 27 ottobre 2017


DOMENICA 3 DICEMBRE


L’associazione culturale ricreativa sportiva Rione Monti, insieme con la Dott.ssa Alessandra Rossi, vi condurrà al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia.
Fatta edificare da Papa Giulio III durante gli anni del suo pontificato tra il 1550 e il 1555, è uno splendido esempio di villa rinascimentale, sorta come villa suburbana, analogamente ad altri complessi cinquecenteschi di Roma e dintorni. 
Oggi è il museo più rappresentativo della civiltà etrusca ed accoglie non solo alcune delle più importanti creazioni di questa civiltà, ma anche prodotti greci di altissimo livello, confluiti in un'area che fu tra l'VIII e il V secolo a.C. uno straordinario punto d'incontro di genti diverse.
Il Museo di Villa Giulia nacque nel 1889 A fornire il primo nucleo delle collezioni del museo fu una serie di materiali rinvenuti a Falerii (l'odierna Civita Castellana), capoluogo dei Falisci, popolo insediato nel territorio compreso fra i Monti Cimini ed il Tevere, Alle antichità di Falerii si aggiunsero così via via quelle di altri centri dello stesso territorio (Corchiano, Narce, ecc.), materiali da abitati, santuari e necropoli del Lazio meridionale (Gabii, Alatri, Satricum, più tardi Palestrina), dell'Etruria (Cerveteri e in seguito Veio), dell'Umbria (Todi, Terni).

Dove                  Museo nazionale etrusco di Villa Giulia - Via di Villa Giulia, 9

Appuntamento Ore 10.00 entrata museo - Inizio visita ore 10.20

 Contributo       € 12.00 - Compressivo di ingresso, guida, auricolare
                          € 10.00 – sconto soci  anno 2017/2018

Durata                2 ore circa

Prenotazioni solo tramite

associazionerionemonti@gmail.com                3284860271

N.B. La visita si effettuerà solo al raggiungimento del numero minimo di partecipanti

venerdì 6 ottobre 2017

PERDERSI NEI VICOLI MONTICIANI

PERDERSI  NEI  VICOLI  MONTICIANI

Domenica 8 ottobre ore 17.30 – visita guidata
a cura della Dott.ssa Alessandra Rossi





 Ci perderemo tra i vicoli stretti, sampietrini storti e case basse, il rione è la vecchia Suburra, dove nell'antichità vivevano i plebei.
Monti è un rione in continuo movimento è un'attrazione per migliaia di turisti e romani, con le sue arterie principali, il Colosseo, i Fori Imperiali, le sue torri e i palazzi nobiliari, che lo rendono uno dei rioni più belli e carichi di storia di tutta Roma.

Apprezzeremo la particolarità delle case, le vie strette, le botteghe artigiane, i negozietti, Monti sembra conservare le caratteristiche della Roma ottocentesca. La zona, fitta di trattorie, bar e locali vari, gravita sulla piazzetta della Madonna dei Monti, nei pressi dell'omonima chiesa, che ancora funge anche da centro di aggregazione per i residenti locali e i frequentatori occasionali.


APPUNTAMENTO ORE 17.10 IN PIAZZA MADONNA DEI MONTI

DURATA 2 ORE CIRCA

COSTO € 5.00

“IL CINEMA A MONTI”

Domenica  8 ottobre ore 10.30
visita guidata in compagnia della Dott.ssa Alessandra Rossi 
“IL CINEMA A MONTI”

Ci immergeremo nell’atmosfera antica che ha fatto si che Monti fosse usata ampiamente nel cinema, sia per la presenza di alcuni scorci veramente scenografici, sia per l’ambientazione di film storici, alcuni dei quali hanno segnato la storia del cinema italiano.
Tra i tanti ricordiamo


La banda degli onesti (1956) di Camillo Mastrocinque con Totò e Peppino De Filippo il rione Monti fa da scenario a gran parte delle disavventure di Bonocore, Cardone e Lo Turco. La tipografia di Lo Turco, interpretato da Peppino De Filippo, è in Piazza degli Zingari.

Il Marchese del Grillo (1981) di Mario Monicelli con Alberto Sordi e Paolo Stoppa Il Marchese abitava a Monti nel palazzo settecentesco di Piazza del Grillo. In realtà il film non viene ambientato nel palazzo, ma la scena iniziale del risveglio del marchese sulla terrazza è girata nella loggia rinascimentale del Palazzo dei Cavalieri di Rodi


Film d’amore e d’anarchia, ovvero stamattina alle 10 in via dei Fiori nella nota casa di tolleranza (1973) di Lina Wertmuller con Giancarlo Giannini e Mariangela Melato Tunin (Giancarlo Giannini) ospite della prostituta Salomè (Mariangela Melato) in un bordello in via Baccina di fronte alla scalinata di via degli Ibernesi

I ragazzi di via Panisperna (1989) di Gianni Amelio con Andrea Prodan, Ennio Fantastichini, Mario Adorf, Laura Morante, Virna Lisi il noto gruppo di giovani scienziati, fisici e matematici, si riuniscono nell’istituto di Fisica dell’università di Roma in via Panisperna  e la scena iniziale nella quale si prepara lo scherzo radiofonico, si svolge nel chiostro della facoltà di ingegneria in via Eudossiana (S. Pietro in Vincoli)

La sindrome di Stendhal (1996) di Dario Argento con Asia Argento e Thomas Kretscmann La poliziotta Anna Manni (Asia Argento) abita in via degli Zingari 50

Don Pietro Pappagallo (1945) di Roberto Rossellini con Anna Magnani e Aldo Fabrizi L’abitazione di Don Pietro Pappagallo (Aldo Fabrizi) è in Via Urbana 2

I prepotenti (1958) di Mario Amendola con Aldo Fabrizi, Nino Taranto, Ave Ninchi  l’abitazione di Aldo Fabrizi è in Salita del Grillo mentre il negozio di barbiere dove lavorava Amendola è in via Tor de’ Conti

Cuore sacro (2005) di Ferzan Ozpetek con Barbora Bobulova La chiesa dove la Bobulova è in via Urbana, San Lorenzo in Fonte, mentre la libreria dove la piccola ladra per rubare un pensierino è in via dei Serpenti

Notte prima degli esami (2006) di  Fausto Brizzi (David di Donatello 2006) con Giorgio Faletti, la casa del professore Martinelli è in via S. Agata dei Goti 21, il bar dove si trovano i ragazzi è in Piazza della Madonna dei Monti, il liceo classico è la Facoltà di ingegneria in via Eudossiana

APPUNTAMENTO ORE 10.10 IN PIAZZA MADONNA DEI MONTI

DURATA 2 ORE CIRCA


COSTO € 5.00